L’Inter Comites Argentina

Il Coordinamento InterComites, la riunione dei presidenti dei Comites delle nove circoscrizioni consolari dell’Argentina, si è tenuta sabato 15 luglio  nella città di Mendoza. E´stata presieduta  dal coordinatore dell’InterComites Argentina, Dario Signorini, presidente del Comites di Buenos Aires e vi hanno partecipato  i colleghi di: Mendoza, Antonietta Recupero de Roncaglia, di Bahía Blanca, César Puliafito; di Córdoba, Luis Casanegra; di Lomas de Zamora, Emilio Bianco, di Morón, Francesco Rotundo; di Rosario, Franco Tirelli e in rappresentanza del COMITES di Mar del Plata, Alberto Emilio Becchi. Assente invece il Comites di La Plata. Presenti:  il  Console d’Italia in Cuyo, Ivo Michele Polacco, il Capo dell’Ufficio Sociale e di Coordinamento Consolare, Omar Appolloni (Ambasciata),  il deputato  Mario Borghese e i consiglieri del Cgie Marcelo Romanello, di Mendoza, Rodolfo Borghese, di Cordoba, Juan Carlos Paglialunga, di Bahía Blanca, quasi tutti i consiglieri del Comites di Cuyo, che comprende le province di Mendoza, San Juan e San Luis. Non é stato ancora dato  un comunicato riassuntivo dei lavori dell’InterComites, ma si é informato che:  Appolloni ha portato i saluti dell’ambasciatore Castaldo ed  ha fatto il punto su alcuni dati sulla realtà della comunità italiana in Argentina, che ha superato i novecentomila iscritti Aire, tra i quali 304mila a Buenos Aires, oltre 140mila a Rosario e circa 100 mila a La Plata. Nell’ultimo anno si sono date ventimila nuove cittadinanze,  con una media di 1.700 al mese. Ha detto che di fronte ad un’utenza tanto grande é necessario rafforzare la rete consolare ed ha riferito che l’amb. Castaldo lo fa sempre presente a Roma. Ha parlato poi dei fondi  destinati all’assistenza diretta ai connazionali in stato di necessità ed ha fatto presente che per l’assistenza  nei nove consolati italiani c’è un budget di 2,6 milioni di euro, che l’anno scorso per tale capitolo sono stati erogati 2,7 milioni di euro a 2.319 beneficiari, tutti cittadini italiani nati in Italia, dei quali 550 da parte del Consolato Generale d’Italia in Buenos Aires e circa 400 da parte di quello a La Plata.

Ogni presidente Comi tes ha poi fatto un rapporto sullo stato delle rispettive comunitá e i rapporti con i rispettivi consolati.

Dario Signorini ha parlato dei fondi destinati al funzionamento dei COMITES e sulla  diversità di criteri adottati  sia per l’assegnazione dell’ammontare di tali fondi, in rapporto alla quantità di cittadini iscritti in ogni circoscrizione, sia per il sistema attraverso cui i fondi vengono erogati. Ha detto che quasi tutti i COMITES hanno già ricevuto la totalità dei fondi per il corrente anno mentre il COMITES di Buenos Aires ne ha ricevuto solo un anticipo, pari a meno di un terzo dei venticinquemila euro preventivati per l’anno 2017.  E’ da  sottolineare che i fondi destinati ai Comites negli ultimi anni sono stati notevolveme sforbiciati e nel 2015 erano sessantamila. Accettata con piacere l’idea proposta dal  Comites di Buenos Aires di organizzare un Congresso dei Giovani italiani o di origine italiana, da realizzare nel mese di ottobre,  probabilmente  nel complesso turistico di Chapadmalal, vicino a Mar del Plata, che sarebbe messo a disposizione dal ministero del Turismo. L’obiettivo è quello di ottenere un’ ampia partecipazione di giovani provenienti da tutta l’Argentina per dibattere sul futuro della comunità italiana nel Paese. Si é poi parlato dell’ incontro di fratellanza italo-spagnola, che dovrebbe tenersi a Buenos Aires nel mese di settembre con lo scopo di risvegliare nella societá argentina il contributo dato dalle collettivitá italiana e spagnola. Questo evento dovrebbe tenersi non solo a Buenos Aires ma anche nelle cittá degli altri stati che compongono l’Argentina.

Le due iniziative contano sull’appoggio dell’Ambasciata e dei Consolati. In particolare il Congresso dei Giovani  sta a cuore in modo speciale  all’Ambascita, ai consolati ed ai Comites.  Su proposta del presidente del COMITES di Lomas de Zamora, Emilio Bianco, è stato deciso di scrivere un comunicato di solidarietà dei COMITES alla comunità italiana in Venezuela per la difficile situazione che sta attraversando quel Paese.

Le prossime riunioni dell’InteComites si terranno,  a Mar del Plata, in coincidenza con il Congresso dei Giovani e nel 2018  a Cordoba, Rosario e Buenos Aires”. (aise)