Legge Bilancio: più risorse per gli organismo di rappresentanza degli italiani all’estero

“In Commissione Bilancio al Senato è stato approvato l’emendamento del senatore Cario (MAIE) che prevede interventi aggiuntivi rispetto al finanziamento proposto nella bozza della legge di bilancio. I Comites e il CGIE sono nostre istituzioni fondamentali, il cui buon funzionamento è garanzia di democrazia e di rappresentanza per noi italiani all’estero”. Così Mario Borghese, deputato del Maie eletto in Sud America, commenta il passaggio in Senato della legge di bilancio alla luce degli emendamenti approvati in quinta Commissione.

Quanto alle cifre, l’emendamento Cario – continua Borghese – “prevede che ai Comites vada 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022; attualmente erano previsti solo 1.248.138 euro all’anno, quindi un aumento di oltre l’80%; al Consiglio Generale Italiani all’Estero (CGIE) 500 mila euro, per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022, risorse necessarie per garantire l’adempimento degli obblighi previsti dalla legge, mentre attualmente il contributo previsto è di 607 mila euro all’anno, quindi l’incremento rappresenta un aumento di oltre l’82% dei fondi”.

“Questa – conclude Borghese – è la dimostrazione che con il senatore Merlo, sottosegretario agli Esteri, il MAIE al Governo sta lavorando bene per difendere i diritti degli italiani all’estero”. (aise)