83esimo Congresso mondiale della Societa’ Dante Alighieri (Buenos Aires, 18 – 20 luglio 2019)

Dal 18 al 20 luglio 2019, presso l’Universidad Catolica Argentina di Buenos Aires, si e’ tenuto l’83esimo Congresso Internazionale della Societa’ Dante Alighieri “Italia, Argentina, mondo: l’italiano ci unisce” , il primo tenuto fuori dall’Europa.

Alla presenza di circa 800 delegati provenienti dalle associazioni di tutto il mondo, il Congresso e’ stato felicemente aperto dai videomessaggi di saluto dei Presidenti della Repubblica Sergio Mattarella e Mauricio Macri, evidenzianti lo storico legame di amicizia esistente tra i due Paesi, ai quali hanno fatto seguito i discorsi del Ministro della Pubblica Istruzione argentino Alejandro Finocchiaro, del Sottosegretario del Ministero Affari Esteri Riccardo Merlo, del Presidente della Dante Alighieri Andrea Riccardi, dello scrivente e del Console Generale a Buenos Aires Riccardo Smimmo. Interventi tesi ad evidenziare sotto diversi punti di vista l’importanza del ruolo della Societa’ Dante Alighieri nella promozione di lingua, cultura e identita’ italiana ed il forte impatto esercitato in Argentina, ove operano circa 100 comitati della societa’.

La cerimonia di inaugurazione e’ stata diffusa in diretta da vari canali televisivi, ed il Congresso ha ricevuto ampia e prioritaria copertura giornalistica sui principali quotidiani del Paese, che hanno altresi’ pubblicato due separate interviste al Presidente della Dante Alighieri, Andrea Riccardi.

All’apertura istituzionale del Congresso sono seguiti una lectio magistralis del giornalista Ferruccio de Bortoli e la tavola rotonda che ha trattato i temi di lingua, cultura e impresa, con gli interventi del Segretario Generale Alessandro Masi e del Ministro dell’Istruzione e dell’Innovazione di Buenos Aires, Soledad Acua.

Successivamente si e’ svolto il “Forum Italia – Argentina Cult & Tech” organizzato da questo Ufficio ICE e presentato dal suo Direttore, Luigi D’Aprea, con l’obiettivo di esaltare i legami tra tecnologia, industria e cultura e le eccellenze del Made in Italy. Il Responsabile Relazioni Internazionali di ANICA, Roberto Stabile, ha sottolineato le opportunita’ di sviluppo di coproduzioni italo-argentine, favorite dagli strumenti finanziari messi a disposizione dal MIBAC e dal Fondo Ibermedia che permette di acquisire finanziamenti a dono per collaborazioni fra tre Paesi europei (Italia, Spagna, Portogallo) ed i Paesi dell’America latina.

Nella seconda giornata del Congresso sono stati presentate le strategie e progetti delle Societa’ Dante Alighieri nel mondo, con successive sessioni di approfondimento per aree tematiche. La prima sessione ha visto la partecipazione dei Presidenti dei vari Comitati, riunitisi con il Presidente Andrea Riccardi. Tra le strategie di rilievo, sono state evidenziati progetti legati alla nuova apertura di Comitati in America Latina e nuovi filoni collegati ai programmi del MAECI, quali “Vivere all’Italiana”.

Silvia Giugni, Responsabile delle certificazioni PLIDA, ha valorizzato lo strumento della certificazione linguistica e ricordato l’importanza del progetto Cluster in Argentina, evidenziandone le applicazioni concrete, con particolare riguardo alla formazione qualificata dei docenti.

Le buone pratiche sono state protagoniste del prosieguo dei lavori attraverso le proposte avanzate da alcuni dei rappresentanti di Comitati Dante Alighieri nel mondo, che hanno descritto le loro esperienze in merito alle attivita’ di promozione della lingua legata alle “eccellenze” del nostro Paese quali moda, design, opera, musica.

Il Congresso si e’ concluso con le conferenze “L’ italiano in Argentina, Idee per il futuro” e ” Da Dante a Borges”, con l’esposizione di nuove proposte per lo sviluppo di una piu’ efficace promozione della lingua e della cultura italiana, prendendo a riferimento l’influenza che la letteratura italiana ha esercitato su Borges.

Il Congresso ha avuto un epilogo nella citta’ di Rosario, ove domenica 21 luglio il Presidente Andrea Riccardi, insieme al Governatore della Provincia di Santa Fe, Miguel Lifschitz, ha inaugurato una esposizione dedicata al pittore, ceramista e scultore italo-argentino Lucio Fontana nel Museo Castagnino, alla presenza di circa 300 persone.